EnglishItalian
| euprojects@neuromed.it 0865 915206

L’Edizione 2018 della Notte Europea dei Ricercatori, l’evento che si svolge contemporaneamente in tutta Europa dal 2005 con lo scopo di avvicinare i cittadini al mondo della ricerca scientifica, vede protagonista anche il progetto B-FUTURE,tra i nove selezionati in Italia dalla Commissione Europea.(Call: H2020-MSCA-NIGHT-2018 Proposal number: 818973 – Proposal acronym: B-FUTURE).

B-FUTURE è promosso dall’IRCCS Neuromed e dalla Fondazione Neuromed in collaborazione con:

  • Rete degli IRCCS delle neuroscienze
  • Centro Italiano di Ricerca Aerospaziale
  • Università di Scienza e Tecnologia di Huazhong (Cina)
  • Consorzio Campania Bioscience guidato dall’Università Vanvitelli
  • Università Parthenope – Department of Motor Sciences, Depertment of Engineering.
  • Ufficio Scolastico regionale del Molise
  • Scuole della Campania
  • Polo museale del Molise

Il progetto B-FUTURE sarà implementato in due regioni, Molise e Campania, dove sono ubicati i centri di ricerca Neuromed, attraverso attività congiunte con Università, Centri di Ricerca, Scuole, Aziende ed Enti locali ed il supporto di Istituzioni nazionali e locali. Il coinvolgimento della Rete degli IRCCS consentirà l’estensione del programma all’intero territorio nazionale con eventi organizzati sia durante la settimana della scienza sia durante la Notte dei Ricercatori.

Nella tradizione della Notte Europea dei Ricercatori, B-Future punta ad avvicinare studenti e cittadini all’affascinante mondo della ricerca, offrendo la possibilità di incontrare giovani ricercatori, scienziati ed esperti coinvolti in programmi europei e a livello internazionale. Lo scenario scelto è quello di una immaginaria macchina del tempo, che attraverserà la storia umana per seguire le idee innovative, dalla loro nascita agli sviluppi tecnologici che ne sono derivati e che hanno fatto della scienza una componente indispensabile e presente in tutti gli aspetti della vita dei cittadini.

This European Researchers’ Night project is funded by the European Commission under the Marie Skłodowska-Curie Actions (GA N° 818973)